Tutte le bellezze di Lecce

Lecce è un tripudio di cherubini; il capolavoro barocco dell’Italia meridionale. A volte descritta come la ‘Firenze del Barocco’ o la ‘Roma del Sud’, Lecce è davvero l’unica destinazione della città nell’Italia continentale a sud di Napoli, che è abbastanza attraente per attirare un gran numero di turisti. Si trova nella regione della Puglia, giù al tallone dello stivale d’Italia, circondato da una campagna attraente, mare e piccole città. La città è facilmente raggiungibile con voli economici dal Regno Unito e rappresenta una buona destinazione per un weekend o una vacanza itinerante.

La storia di Lecce ha una lunga storia: si possono ancora vedere le rovine di un teatro e di un anfiteatro romani, ma il periodo che portò all’attuale fama della città fu il XVII secolo. Un periodo di prosperità ha portato a grandi sviluppi e alla costruzione all’ingrosso di palazzi e chiese. Questi edifici adattarono l’elegante stile barocco alla pietra locale, con decorazioni e cherubini che ricoprivano stravaganti facciate e porte. Questo stile locale è noto come barocco leccese (“barocco leccese”).

Anfiteatro Lecce, Puglia, Italy

Lecce ha un delizioso centro storico e i viaggiatori possono facilmente trascorrere una giornata o due esplorando pittoresche viuzze e trovando le più lontane chiese barocche. Il grande tesoro artistico della città è la sua architettura; in termini di altre arti, come la pittura, Lecce non può davvero paragonarsi a città del nord come Firenze e Roma. Se hai intenzione di rimanere più di un paio di giorni, considera l’ipotesi di noleggiare un’auto o di utilizzare i mezzi pubblici per effettuare gite di un giorno o di spostarti verso una seconda base in contrasto come il mare di Otranto o il caratteristico Alberobello.

Ci sono diversi “uffici di informazione turistica” a Lecce, alcuni dei quali non sono molto più di negozi che vendono prodotti locali. La maggior parte di questi uffici, incluso uno nel vecchio castello, fornirà mappe della città (fate attenzione alla confusione causata da mappe che non orientano il nord nella parte superiore della pagina). L’ufficio informazioni più utile che abbiamo trovato si trovava nella sede della polizia in Piazza Sant’Oronzo, dove una poliziotta anglofona ha studiato gli autobus con grande accuratezza.

La decorazione più esagerata della città è da vedere nella Basilica di Santa Croce, che ha una facciata fantastica da ammirare, ornata da strane bestie e allegorie. Mentre vaghi incontrerai anche un paio di chiese non finite. I visitatori guarderanno l’architettura di Lecce con meraviglia, a volte con ammirazione o forse – se i cherubini non sono davvero il tuo genere – con un fascino sconvolgente. In quanti modi puoi ritagliare un cherubino o putto? Il mio preferito è una sfilata di putti che trasportano lettere giganti in una dedica scritta sulla facciata di Santa Maria di Costantinopoli.

La città ha due punti focali principali: Piazza Sant’Oronzo e Piazza del Duomo. Piazza Sant’Oronzo è il grande cuore civico della città, una grande piazza dall’atmosfera un po ‘strana e incompleta, l’antica e la moderna seduta scomodamente insieme. Tra le varie strutture qui è l’anfiteatro romano scavato della città. La statua di un vescovo appollaiato su una colonna rappresenta Sant’Oronzo, un santo patrono di Lecce. La colonna è una delle due che in origine segnava la fine dell’Appia Antica a Brindisi (l’altra è ancora a Brindisi). Piazza del Duomo è un’interpretazione insolita di quella familiare piazza della cattedrale italiana. A Lecce la cattedrale si trova in un angolo di una piazza recintata; uno spazio immobile nel cuore della città. Accanto c’è l’alto campanile.

Un buon modo per godersi un giro iniziale nel centro storico di Lecce è prendere il piccolo trenino turistico che offre una visita guidata del centro. Divertente, utile o kitsch a seconda dell’età, della forma fisica e della prospettiva, questa è la singola manifestazione più ovvia del turismo nella città che si muove verso le strette viuzze. Lo vedrai passare, e potrai salire e scendere a varie fermate.

Cattedrale di Lecce, Puglia.

Vale la pena visitare il teatro romano e il suo piccolo museo, nel centro di Lecce (Museo Teatro Romano, aperto dal lunedì al sabato). Il principale museo archeologico della città, il Museo Provinciale, ospita interessanti mostre della lunga storia della Puglia, tra cui la ceramica greca e pre-greca. L’ingresso è gratuito; il museo si trova in Viale Gallipoli, non lontano dalla stazione ferroviaria. È chiuso per un’ora all’ora di pranzo e la domenica pomeriggio.

Lecce ha un vero ritmo meridionale. Mentre la giornata si riscalda, le strade si svuotano e nelle ore più calde del pomeriggio solo una manciata di turisti surriscaldati può essere avvistata nelle strade storiche. Chiese e imprese generalmente chiudono per diverse ore. La gente del posto riappare mentre il pomeriggio si raffredda fino a sera, ma l’ora della passeggiata qui è più tardi delle parti settentrionali dell’Italia. Giovani intelligenti, famiglie con bambini piccoli e anziani passeggiano per le strade fino a tarda sera, con la città che prende vita tra le otto e la mezzanotte.

C’è una ragionevole selezione di ristoranti nel centro storico, e altri nelle strade al di là. Passeggiando lungo il centrale Corso Vittorio Emanuele e scendendo in Via Palmieri passerai una scelta di posti per mangiare e bere. Un negozio da visitare è la Gelateria Pasticceria Natale, il miglior gelato e pasticceria di Lecce. Situato appena fuori da Piazza Sant ‘Oronzo, è un tempio dei piaceri del cioccolato, del gelato e della pasticceria ed è aperto dalla mattina presto fino a tarda notte.

Lecce è molto facile da raggiungere. Con Ryanair operano voli economici per l’aeroporto di Brindisi, a pochi chilometri di distanza. C’è un servizio di autobus diretto tra l’aeroporto e Lecce, il che significa che il viaggio è semplice e veloce. L’unico inconveniente è che la fermata dell’autobus a Lecce è poco fuori dal centro città. La fermata dell’autobus è intitolata al capoluogo leccese e vanta un piccolo ufficio con una sala d’aspetto climatizzata. Potresti camminare tra il capoluogo di Lecce e il cuore della città, ma è una distanza ragionevole e, a seconda della posizione del tuo alloggio, è probabile che sia l’opzione migliore per prendere un autobus. Il numero 21 ‘Navetta Foro Boario’ è un servizio navetta che collega il grande parcheggio sopra la strada dal capoluogo leccese con il castello, vicino a Piazza Sant’Oronzo. Gli autobus si fermano accanto al parcheggio, e anche a breve distanza lungo la strada verso il centro (a destra), che è indicato da segnali per il centro. L’ufficio al terminal chiude alle 17:30 al momento della scrittura; quando è aperto, lo staff dovrebbe essere in grado di fornirti ulteriori consigli su come raggiungere il tuo alloggio.